Quanti modelli di Ecommerce esistono?

Mag 10, 2024

Ecommerce B2B, B2C, diretto, indiretto: quanti sono i modelli
di Ecommerce?

 

Secondo uno studio del Politecnico di Milano, gli acquisti della popolazione italiana su Ecommerce B2C sono arrivati a quota 54,2 milioni di euro (+13% rispetto al 2022).

È quindi innegabile che le piattaforme di acquisto online stiano prendendo sempre più piede, e che quest’ultime si stiano sempre più raffinando e differenziando le une dalle altre, per meglio accomodare le esigenze dei clienti di ciascuno di questi canali di vendita.

Se già possiedi una piattaforma per l’acquisto online o stai pianificando di aprirne una, avrai probabilmente incontrato almeno qualcuno dei termini citati all’inizio dell’articolo: ma che significato hanno? E che tipo di commercio identificano? Vediamo le principali categorizzazioni di queste piattaforme.

 

Commercio elettronico diretto e indiretto

La prima differenziazione che si può fare per distinguere i vari modelli di Ecommerce riguarda il tipo di prodotto o servizio acquistato. In base al tipo di bene ricevuto, si distingue tra commercio “diretto” e “indiretto“.

 

Ecommerce Diretto

Questo tipo di commercio prevede la compravendita di beni immateriali: la transazione comincia e finisce puramente in maniera digitale.
L’utente acquista un abbonamento, un brano o comunque qualcosa di non fisico e in sostanza l’operazione si conclude immediatamente con l’acquisto online.

 

Modelli di Ecommerce: Ecommerce diretto

 

 

Ecommerce Indiretto

Questo tipo di compravendita è invece il più frequente e prevede l’acquisto di un bene materiale.

Amazon, Ebay e tutti gli store che prevedono la spedizione di un pacco che riceveremo fisicamente a casa sono tipologie di commercio elettronico indiretto.

 

Modelli di Ecommerce: Ecommerce indiretto

 

 

Piattaforme Ecommerce B2B, B2C, C2C, C2B

Questo tipo di categorizzazione invece si basa sui diversi attori nel processo di compravendita: “C” sta per “customer”, ovvero consumatore, e “B” per business, quindi azienda.

 

Ecommerce B2B, B2C, diretto, indiretto: quanti sono i modelli
di Ecommerce?

 

Secondo uno studio del Politecnico di Milano, gli acquisti della popolazione italiana su Ecommerce B2C sono arrivati a quota 54,2 milioni di euro (+13% rispetto al 2022).

È quindi innegabile che le piattaforme di acquisto online stiano prendendo sempre più piede, e che quest’ultime si stiano sempre più raffinando e differenziando le une dalle altre, per meglio accomodare le esigenze dei clienti di ciascuno di questi canali di vendita.

Se già possiedi una piattaforma per l’acquisto online o stai pianificando di aprirne una, avrai probabilmente incontrato almeno qualcuno dei termini citati all’inizio dell’articolo: ma che significato hanno? E che tipo di commercio identificano? Vediamo le principali categorizzazioni di queste piattaforme.

 

Commercio elettronico diretto e indiretto

La prima differenziazione che si può fare riguarda il tipo di prodotto o servizio acquistato. In base al tipo di bene ricevuto, si distingue tra commercio “diretto” e “indiretto“.

 

Ecommerce Diretto

Questo tipo di commercio prevede la compravendita di beni immateriali: la transazione comincia e finisce puramente in maniera digitale.
L’utente acquista un abbonamento, un brano o comunque qualcosa di non fisico e in sostanza l’operazione si conclude immediatamente con l’acquisto online.

 

Modelli di Ecommerce: Ecommerce diretto

 

 

Ecommerce Indiretto

Questo tipo di compravendita è invece il più frequente e prevede l’acquisto di un bene materiale.

Amazon, Ebay e tutti gli store che prevedono la spedizione di un pacco che riceveremo fisicamente a casa sono tipologie di commercio elettronico indiretto.

 

Modelli di Ecommerce: Ecommerce indiretto

 

 

Piattaforme Ecommerce B2B, B2C, C2C, C2B

Questo tipo di categorizzazione invece si basa sui diversi attori nel processo di compravendita: “C” sta per “customer”, ovvero consumatore, e “B” per business, quindi azienda.

 

Modelli di Ecommerce: Ecommerce b2b

Ecommerce B2B

Nel commercio business-to-business, come dice il nome, l’atto di compravendita avviene puramente tra aziende: una vende all’altra prodotti o servizi per il funzionamento dell’azienda acquirente.

Sono un esempio di piattaforme Ecommerce B2B aziende che vendono software specifici, materie prime, consulting aziendali…

Modelli di Ecommerce: Ecommerce b2c

Ecommerce B2C

Questo è il tipo di commercio più comune, in cui un’azienda vende prodotti o servizi al consumatore.

Gli esempi sono innumerevoli da shop online di abbigliamento, tecnologia, abbonamenti a servizi.

Modelli di Ecommerce: Ecommerce c2c

Ecommerce C2C

In questo scenario gli attori sono i consumatori privati che, occasionalmente, sfruttano i portali di commercio online per vendere e acquistare i loro prodotti.

Ne sono un esempio canali famosi come eBay, Vinted, Subito.

Modelli di Ecommerce: Ecommerce c2b

Ecommerce C2B

Questa tipologia è leggermente più atipica, in cui una persona fisica (ad esempio un libero professionista) cede i propri beni o servizi ad un’azienda.

 

Dopo aver conosciuto i vari modelli di Ecommerce, come si sceglie quello più adatto?

Per compiere una scelta fondata è necessario analizzare il proprio business.

Qual è il tuo cliente target?
A chi ha più senso rivolgersi?
Per sapere questo, è necessario sapere il valore di ciò che si sta vendendo: che prodotto si sta commerciando?
È di uso comune?
Quanto costa?
Che margine di profitto puoi ricavarne?

E ancora: in che mercato stai operando?
Quanto è competitivo?
E cosa può proporre la tua azienda, in termini di Unique Value Proposition, per distinguersi?

Una volta trovata la risposta a questi quesiti, la scelta su un determinato modello di Ecommerce avverrà conseguentemente.

 

Cerchi l’Ecommerce perfetto per te?

Siamo qui per te! Siamo un’agenzia specializzata nello sviluppo di piattaforme Ecommerce create su misura per il tuo business.

Dopo aver discusso insieme i tuoi obiettivi, prepariamo una proposta che risponda alle tue necessità.

 

E, in caso servisse supporto anche in fase di analisi della tua attività…

Possiamo aiutare anche in questo: sulla base della situazione attuale e degli obiettivi preposti, prepariamo per i nostri clienti un report dettagliato di analisi del settore merceologico di riferimento completo di analisi competitor, analisi di punti di forza e debolezza del cliente stesso, ipotesi di strategia di crescita basata su vari step che fungono da milestones per verificare passo passo il successo di quanto realizzato.

 

Pronto a far crescere il tuo business insieme a noi?


Ebook gratuito - Ottieni più contatti dal tuo sito web